Il piatto per fette perfette

Un piatto con il bordo graduato per tagliare delle fette precise al millimetro

È la solita vecchia storia: quando dobbiamo servire un dolce quanto grosse devono essere le fette? Le scuole di pensiero sono molte, a partite dalla divisione in parti uguali in base al numero degli ospiti, ma adesso c’è una soluzione a questo annoso problema. Basta comprare il piatto da dolce “Le dimensioni contano”, e non si accettano doppi sensi.

Ovviamente le dimensioni sono quelle della fetta di torta, e il piatto fatto in elegante ceramica offre una doppia scala graduata.
Entrambe segnano i gradi della porzione di torta, la scala esterna segna i 360° dell’intero, quella interna invece va n quarti e ha quattro scale da 0 a 90°.
Questa doppia misura può essere superflua, ma meglio abbondare che difettare, soprattutto quando si parla di torte, dolci e altre delizie.

Basterà porre attenzione alle cifre e usare il coltello di conseguenza, le fette non potrebbero uscirvi più precise.
Sarà buffo vedere i vostri amici chiedervi fette di torta in modo geometrico: “Io desidero una fetta da 25°”, ” Io invece preferirei averne una da 50°, sai, mi piacciono i dolci”.
Quello che conta però è il risultato e la soddisfazione di tutti, e il piatto “Le dimensioni contano” vi permette di avere un momento di dolcezza senza sorprese.

Il piatto rotondo è perfetto per quasi tutte le torte, come una crostata, una ciambella ma anche ad una Saint Honorèm, una Monte Bianco oppure la classica Torta Paradiso. In realtà il piatto è ancora più versatile, dopotutto chi l’ha detto che deve essere usato solo per i dolci? Se preparate o comprate una torta salata rotonda, o una pizza alta da fare in tranci perché non sfruttare questo geniale piatto graduato?

Il piatto “Le dimensioni contano” è pratico ed elegante al tempo stesso, ma soprattutto risolve una volta per tutte gli accesi dibattiti legati alle porzioni, perché di golosi in giro ce ne sono in abbondanza Quasi quanto i precisini.

In vendita su dottorgadget.it

Lascia un commento