Il tappeto Wampa di Star Wars

Un soffice tappeto fatto con la pelliccia di un Wampa

Galassia che vai, usanza che trovi“, con questo detto diventa più facile inquadrare e comprendere alcuni gadget, così se un tempo sul pianeta Terra andava di moda mettersi in casa dei tappeti ricavati dalla pelliccia di un orso non deve stupirci se su altri pianeti si ha la stessa abitudine usando però altre creature.
Dopotutto bisogna arrangiarsi con quello che offre il pianeta, e se su Hoth c’è una popolazione molto numerosa di Wampa potrebbero diventare un’ottima fonte di pelliccia.
I Wampa però hanno due problemi, il primo è dato dalla filosofia animalista che dovrebbe essere presente in ogni individuo, quindi dovrebbe essere difficile accettare di buon grado un tappeto ricavato dalla pelliccia di un povero animale.
Il secondo, che poi è il più convincente, è dato dalla natura degli Wampa che sono delle enormi creature alte oltre 2 metri, assetate di sangue e pericolosissime; Quindi chiunque preferisce stargli alla larga e non avvicinarsi per nessun motivo.

Per questi motivi è nato lo Star Wars Wampa Rug, un tappeto che sembra ricavato proprio dalla pelliccia di uno Wampa ma che in realtà è fatto con materiali sintetici.
Questa soluzione è la più congegnale, nessun umano ha rischiato la vita per dare la caccia agli Wampa, mentre nessun Wampa è stato infastidito, ferito o ucciso per realizzare questo tappeto.
Il risultato è comunque gradevole e molto convincente, inoltre l’utilizzo di materiali sintetici permette di realizzare un numero infinito di tappeti, mentre se si fosse utilizzata la pelliccia vera sarebbe rimasto un gadget di nicchia e molto costoso.
Per finire parlando con la popolazione di Hoth ho scoperto che il tappeto finto è molto gradito anche per la qualità e una maggior praticità per l’uso domestico; Difatti gli Wampa emanano una puzza tremenda, così intensa da rimanere intrisa per anni nella pelliccia, quindi viva i gadget ufficiali di Star Wars che eliminano ogni problema, anche quelli odorosi.

In vendita su dottorgadget.it

Lascia un commento