Il nastro “Scena del Crimine” Zombie

Un nastro per segnalare le zone a rischio zombie

Il Italia non si usa il nastro giallo che delimita le scene del crimine, nonostante questo grazie alle serie TV e ai film abbiamo imparato a riconoscerlo e ormai ci sembra un accessorio internazionale.
Visto che è così famoso viene usato anche per fare scherzi o trasformare una stanza o un’intera abitazione per qualche festa in maschera e altre occasioni speciali, magari proprio la notte più macabra e paurosa di tutte, Halloween.
In certe occasioni però segnalare una scena del crimine non è sufficiente, difatti se la TV e il cinema ci hanno insegnato una cosa è che il vero pericolo non è dato dai serial killer o dai sicari della malavita, il rischio più grande è dato dagli zombie.

Se ci fosse un’infestazione di non-morti andrebbe subito isolata, segnalata ed evitata senza indugi; Per questo motivo è nato un nastro giallo speciale per le nuove emergenze apocalittiche.
Lo stile è quello originale, un nastro giallo con la scritta in stampatello nera, in questo caso però il classico CRIME SCENE DO NOT ENTER (o CROSS) è stato sostituito da un più inquietante CAUTION – ZOMBIES AHEAD.
Chiunque avrà l’accortezza di leggere questo messaggio si guarderà bene da superare l’area delimitata, dopotutto anche se gli zombie sono lenti e tonti non è mai piacevole affrontarli senza armi con una certa potenza di fuoco.
Il problema di questo nastro però è proprio nella sua somiglianza con quello alla CSI, uno lo vede e non gli da troppa importanza, pensa che sia solo una delimitazione per qualche crimine e poi si ritrova assalito da dei famelici non-morti.

Fortunatamente gli zombie non esistono (almeno per ora) quindi questo nastro sarà utile soltanto come elemento estetico per preparare la casa per un bel party a tinte horror.
Questo però vale solo per gli ottimisti, difatti gira voce che il nastro “Scena del Crimine” Zombie sia un best seller tra gli apocalittici che stanno facendo scorte per l’imminente (per loro) catastrofe.

In vendita su dottorgadget.it

Lascia un commento