Curiosità Feste

Panettone o Pandoro? L’annosa disputa dei dolci di Natale

11 Dicembre 2018
panettone o pandoro

Come ogni anno sulle tavole degli italiani ci sarà la storica disputa tra panettone o pandoro. Qual è il vostro dolce di Natale preferito?

Perché parlare di panettone o pandoro? Sulle nostre tavole ci sono molte dispute, ma non temete, nulla di violento. Solo le dispute enogastronomiche, con dei dibattiti molto accesi ma che non possono portare ad alcun vincitore. Il motivo? L’unico vero giudice è il nostro palato, quindi il meglio è sempre ciò che più ci piace.
Tra le tante contrapposizioni posso citare pasta o riso, pasta secca o pasta fresca, vino bianco o vino rosso, carne o pesce e potrei continuare per ore. Soprattutto se a questi scontri titanici affianco le dispute minori. Ad esempio, meglio i fagioli borlotti o i cannellini, meglio gli spaghetti o le linguine, meglio l’arborio o il carnaroli. Insomma, tanti argomenti interessanti di discussione.

Visto che il Natale alle porte però voglio soffermarmi sul più grande scontro delle feste, quello dei dolci di Natale. Avete già capito di cosa sto parlando: meglio panettone o pandoro?
Come già precisato all’inizio di questo articolo non finiremo con un vincitore. Non si può decretare con certezza qual è il migliore dolce di Natale. L’unico modo per farlo è assegnare un titolo personale. Il miglior dolce di Natale (secondo me).
Perché alla fine è tutta lì la questione, ognuno ha i suoi gusti e non c’è motivo per cambiarli. Però è divertente questionare, promuovendo il proprio dolce di Natale preferito come se foste voi i pasticceri che lo hanno creato.

Origini antiche per una contrapposizione decisamente moderna

La contrapposizione tra panettone e pandoro è abbastanza recente. Recentissima se consideriamo le origini di questi dolci. Non ci sono date certe ma nel 1400 entrambi i dolci erano già conosciuti, ma le loro origini potrebbero risalire addirittura al 1200.
Il panettone è nato a Milano, il pandoro a Verona, e fino al 1900 non ci sono mai state delle vere e proprie esportazioni su tutto il territorio italiano. Ognuno aveva le sue tradizioni e non mangiava il dolce di altri (senza contare che non sono nati come dolci da mangiare solo durante le festività natalizie).
Nel dopoguerra, con la crescita dei prodotti da forno industriali e della grande distribuzione però i limiti geografici sono venuti meno. Così oggi, sulle tavole di ogni angolo dello stivale, possiamo trovare entrambi i dolci.

La convivenza ha creato la discussione su panettone o pandoro. Banalmente si può dire che il panettone è il dolce dei grandi, mentre il pandoro è per i più piccoli. La distinzione viene fatta per via della dell’impasto del panettone ricco di canditi e uva passa, cose che sono poco gradite ai bambini. È vero che esistono delle varianti del panettone senza canditi, però il paragone tra dolci, è giusto farlo con la ricetta della tradizione. Altrimenti tiro fuori un panettone al cioccolato e corrompo un po’ di fan del pandoro farcito con la Nutella! Perché per molti il pandoro ha bisogno di un aiutino. Non dico che sia stopposo, però è un po’ come mangiare il pane da solo. È buonissimo, ma se ci si abbina qualcosa diventa il massimo. Lo stesso vale per il pandoro, che con del cioccolato, possibilmente fondente, diventa clamoroso. Il panettone invece me lo gusto bene liscio, anche se c’è sempre il mascarpone, che con i dolci di Natale è un classico.

Panettone o pandoro? Magari fosse così facile, i dolci di Natale sono tantissimi

Sono certo che qualcuno, leggendo panettone o pandoro come argomento, ha pensato di trovarsi di fronte all’ennesimo post banale. Invece qui ho voluto evitare i copia/incolla storici. Tanto c’è Wikipedia. Come non voglio ridurre tutto l’argomento solo a un duello.
La sfida per il migliore dolce di Natale ha molti altri contendenti.
Partiamo però da un presupposto. Il sottoscritto è un milanese, nato e vissuto in provincia di Milano da una famiglia tutta milanese. Perché vi dico questo? Per giustificare ciò che andrò a scrivere. L’Italia è un paese molto vario. Anche a tavola. Quindi ho grandi lacune su tutti i dolci della tradizione del centro-sud Italia. Anche lì si mangiano panettoni o pandori, ma ci sono tante altre delizie che non ho mai avuto modo di provare.
Per questo non dovete scandalizzarvi se manca qualche dolce tipico della vostra zona, la varietà è il bello del nostro paese. Se volete segnalarci qualche dolce delle vostre tradizioni, geografiche o famigliari, basta dircelo nei commenti.

Fermandomi alla mia tradizione l’elenco dei dolci che finiscono in tavola durante le feste sono panettone o pandoro fissi il pranzo di Natale. Poi per altri momenti di dolcezza, cena di Natale e Santo Stefano, saltano fuori anche altri dolci delle feste. Il torrone non manca mai e c’è in ogni sua versione. Molle o duro, con zucchero o con miele e tanti tipi di frutta.
Poi ci sono anche altre incursioni extra-milanesi. Da nord, dalla Valtellina, la Bisciola. Una sorta di panettone ma a forma di pagnotta e molto più “carico”. La concentrazione di uvette è clamorosa, e in più ci sono anche i fichi secchi e le noci. Delizioso!
Per gli amanti dei canditi invece non può mancare un Panforte, dolce di Siena che è una sorta di candito gigante.

Godetevi ogni dolcezza, le feste e tutto ciò che viene dopo

Quasi mi dimenticavo i cioccolatini. Che Natale sarebbe senza una bella ciotola di cioccolatini da mangiucchiare durante la tombola e gli altri giochi di Natale?
Mentre aspetto le vostre segnalazioni sui dolci di Natale non posso che augurarvi buone feste e pancia piena. Di dolci e di tutto quello che metterà a dura prova il carico massimo della vostra tavola. E delle vostre sedie.

Buone mangiate da DottorGadget!

Ti potrebbero interessare...

Nessun commento

Scrivi un commento

CONTATTI:
Telefono: 393 20 30 100
E-mail: info@dottorgadget.it