I regali per amante ai tempi del coronavirus

Un articolo semiserio sulle difficoltà del vivere una doppia relazione durante una pandemia

Queste settimane di pandemia globale stanno mettendo a nudo parecchi problemi. Molti di questi sono molto seri e importanti, come l’impatto sul sistema sanitario, la gestione fatta dai governi, il ruolo della scienza e altre cose decisive. Noi però preferiamo evitare di entrare nella mischia e occuparci di cose così grandi e complesse. Anche perché non è questo il luogo adatto per farlo. Così ci limitiamo a dedicare un po’ di spazio a problemi grandi e piccoli legati al mondo dei regali in tempi di coronavirus.

Il tema dei regali a distanza è portante, ma poi ci sono anche degli interessanti focus da fare su argomenti specifici.
Ad esempio, come sta la vostra amante?
Suvvia, non fate gli indignati. Se non l’avete non sto certo parlando con voi, se l’avete nessuno vi sta giudicando. È solo curiosità, perché gestire una doppia relazione di questi tempi immagino sia molto complicato.
Vista la lontananza forzata però dei regali per amante possono essere una strategia per tenere viva la passione.

Fare un regalo però può essere complicatissimo, e le restrizioni di questo periodo contano fino ad un certo punto. Se l’amante non è single non potete certo spedirgli fiori e regali a casa. Ma se avete modo di sorprenderla senza destare sospetti potete anche esagerare. Sia con le misure dei doni, sia con la quantità. Perché a volte i beni materiali possono sostituire altre cose. In questo caso la vostra presenza.
L’amore clandestino però è sempre complicato, poi in tempi di coronavirus diventa ancora più difficile mantenere viva e salda la (seconda) relazione.
Qualcuno potrebbe dire che è un segnale per troncare tutto e ritornare a essere monogami, felici e contenti. Ma perché rinunciare quando siete convinti del contrario?

I regali per amante da fare e quelli da evitare

Non ci sono regali da evitare in assoluto. Ovviamente escludendo le cose che non piacciono o addirittura si odiano. Ecco, quelle non possono certo essere dei doni.
Forse il più grande regalo è doppio ed è quello di mantenere segreta la relazione senza farsi scoprire. Una cosa complessa in situazioni di normalità, esageratamente complicata con il covid-19.
Basta solo una piccola distrazione con lo smartphone o il PC e verrete colti in fragranza di reato. Una cosa da evitare a tutti i costi. Anche perché, con l’isolamento, finire fuori di casa sarebbe drammatico. O almeno più del solito.

Chi prosegue su certe scelte però deve essere pronto a tutto, anche prendersi dei rischi per mantenere in piedi la doppia relazione (sempre che si si fermi a 2, con moglie o fidanzata e Questa è la classica lotta impari. La clandestinità va sempre perpetrata, ma in tempi normali tutto è più agevole. Ora invece molti doppiogiochisti stanno a casa e non possono far altro che ringraziare le nuove tecnologie. Strumenti eccezionali che dimostrano tutti i loro pregi soprattutto in situazioni di emergenza. Con tutta la voglia di correre tra le braccia dell’amante e la consapevolezza che si farebbe solo un incontro ravvicinato con le forze dell’ordine.

Ma allora cosa regalereste all’amante? Niente di diverso da ciò che regalereste ad altre persone. Non si tratta di una persona aliena che necessita di cose strane o differenti dal resto della
Al massimo il ragionamento da fare è valutare se reclusione e isolamento rendono fattibile il regalo. Sia farlo sia spedirlo al suo domicilio. Perché è questa la preoccupazione principale di chi conduce una relazione nascosta.
I regali per amante diventano così un rischio, un elemento che può fare danni. Ma in certe situazioni il rischio è necessario. È necessaria anche l’amante?