Candela Zombie sanguinante

Una candela perfetta per Halloween e altre serate macabre

Qualche tempo fa vi avevo mostrato un modo semplice quanto geniale per far diventare delle semplici candele molto più scenografiche. Erano le Candele Sanguinanti sfruttavano in modo geniale la cera colorata.
In apparenza sembravano delle normali candele bianche, invece la cera era bianca solo all’esterno con la parte interna di cera rossa. In questo modo quando la candela iniziava a sciogliersi ecco la sorpesa, con l’impressione di vedere per davvero una candela sanguinante.
Da quella brillante intuizione poi sono nati ulteriori modelli, più elaborati e particolari, e oggi vediamo proprio un esempio con la mostruosa Candela Zombie.
La Candela zombie sanguinante è un modello che sfrutta la stessa geniale struttura delle Candele Sanguinanti, solo che lo fa in modo ancora più spettacolare e lugubre.
La candela è modellata con le forme di una testa di zombie, una di quelle belle putride per creare al meglio un’atmosfera horror anche quando è spenta.
La testa misura circa 8 x 7 cm e la cera esterna è di un verde molto acceso, giusto dare subito nell’occhio e risaltare all’interno di qualsiasi stanza. La cera intera invece è rossa e forma un nucleo pensato proprio per rendere lo scioglimento dello zombie ancora più mostruoso.
Dopo aver acceso la candela e aver atteso che il primo strato di cera verde si sia sciolto si inizia ad intravedere qualche goccia di cera rossa. Il “sangue” aumenta sempre di più e inizia a colare copioso dalla testa spaccata dal calore, e più si scioglie la testa maggiore è la quantità di sangue di cera che cola.
Nonostante le dimensioni ci vogliono circa 16 ore prima che la testa si sia completamente sciolta, cosa che vi assicura uno spettacolare elemento estetico per rendere più lugubri i vostri party tra amici. Ovviamente la prima occasione che viene in mente è Halloween, ma se amate le atmosfere horror troverete di certo tante altre serate per godervi la Candela Zombie sanguinante.

12,90 su dottorgadget.it

Lascia un commento