Birra Pong

Un grande classico dei giochi alcolici dei college americani

I film ambientati nei college americani ci hanno mostrato il lato folle di quegli ambienti, con feste scatenate e dove può succedere di tutto.
L’alcol scorre sempre a fiumi e viene consumato in molti modi, alcuni anche sotto forma di gioco. Visto che abbiamo una categoria dedicata proprio ai giochi alcolici ho pensato di rispolverare qualche classico dei passatempi delle feste dei college americani.
Il più celebre di tutti è senza dubbio il Birra Pong, un gioco che sfrutta anche gli iconici bicchieri rossi e bianchi e usa e getta resi popolarissimi proprio dai film.

Per giocare servono un tavolo (possibilmente rettangolare), tanti bicchieri, delle palline da Pingpong e la birra. Come dotazione minima servono 6 bicchieri per ogni giocatore, i quali li devono disporre a freccia (3 file, la prima da 3 bicchieri, poi 2 e 1) di fronte a loro.
I giocatori preparano la loro base di bicchieri sui lati stretti del tavolo in modo da fronteggiarsi. I bicchieri vanno riempiti di birra.

Lo svolgimento del gioco è semplice. A turno ogni giocatore deve provare a fare canestro nei bicchieri dell’avversario. L’unica regola da seguire è sulla tecnica di tiro e devono essere tiri di rimbalzo. Quindi con la pallina che deve rimbalzare nella propria metà del tavolo per poi cadere verso i bicchieri.
Se fate centro in uno dei bicchieri l’avversario deve berlo tutto.
Si procede così fino a quando un giocatore non ha fatto centro in tutti i bicchieri, con l’avversario che si è dovuto trincare tutte le birre.

Come tutti i giochi alcolici anche il Birra Pong si presta a tante home rules e cambiamenti. Potete aumentare il numero di bicchieri, cambiare alcolico o giocare anche con bibite e altre bevande analcoliche.
Altrimenti ci sono proposte ancora più alternative, come il Prosecco Pong, che sostituisce i bicchieri da birra con degli elegantissimi bicchieri da spumante.
Qual è la vostra versione del Birra Pong? E il vostro gioco alcolico più amato?

8,90 su dottorgadget.it

Lascia un commento